top of page

Energia musicale irresistibile all’Eurovision 2023

United-by-music | Eurovision-2023

In attesa che inizi l’Eurovision Song Contest 2023, dove avremo il piacere e la sorpresa di scoprire cosa ci riservano gli artisti europei nelle loro performance live, chi vuole arrivare preparato può ascoltare sul canale ufficiale della manifestazione i trentasette brani in gara e i video ufficiali.

Sono molti i brani particolari, ma pochi quelli che per stile o per interpretazione raggiungono livelli estremi di eccessi ed eccentricità. Ne ho scelti tre che più degli altri mi hanno incuriosita.

Il gruppo ‘Lord of the lost’ gruppo che rappresenta la Germania non passa inosservato; la band nata ad Amburgo nel 2007, si caratterizza per uno stile musicale fra il gotico e il glam rock. ‘Blood & Glitter’, il brano che presenteranno all’Eurovision non mancherà di spettinare gli ascoltatori, non solo perché il rock calca raramente il palco dell’Eurovision, ma è notevole per l’impressionante ed estremo uso della voce che sa fare il cantante Chris "The Lord" Harms; devasta al punto giusto una melodia di per se’ orecchiabile, arrivando a note roche e basse con timbro pieno, con suoni che si direbbero provenire dalle fiamme dell’inferno dantesco piu’ che da una voce umana; infatti è necessario essere super bravi a gestire la voce per farcela.

Da ascoltare per credere!


Sicuramente altrettanto sorprendente, anche se probabilmente non per tutti in senso positivo, è il “Cha cha cha” della Finlandia; un brano in stile industrial-pop, che secondo il mio personale parere (personalissimo e discutibile, ovvio) è perfettamente costruito nella sua dimensione assolutamente... demenziale! con il pregio di emanare un’energia talmente fuori dalle righe che non si può resistere; non so quanto rappresenti i gusti musicali dei finlandesi, se sia il tipo di musica che ascoltano quotidianamente alla radio, sebbene il singolo sia stato vincitore di un contest nel 2022 e abbia raggiunto la vetta della classifica finlandese… mah! a onor del vero, è indiscutibile che l’autore e interprete, Käärijä (pseudonimo di Jere Pöyhönen, batterista e rapper) sia un personaggio interessante; in sintesi, questo brano al massimo lo consiglierei come simpatica colonna sonora per uno spot, o una festa in spiaggia con gli amici per dimenticare la settimana estenuante di lavoro (come recita l’incipit) brindando a champagne e piñacolada.

Un normale ragazzo occhialuto che sprigiona una voce da brividi e una grinta pazzesca: è questo il contrasto che porta in scena Theodor Andrei, artista giovanissimo, nato nel 2004, inviato a rappresentare la Romania all’Eurovision con il brano pop in lingua rumena “D.G.T. (Off and On)” di cui è coautore. Attacca con ritmo deciso, scandito, si apre poi con una vocalità più timbrata e, nel ritornello dà prova di avere notevoli acuti; quanto interessante è la sua voce, non altrettanto risulta il resto; nel video ufficiale diffuso, l’interprete canta, aggirandosi su un palco disadorno, in compagnia di due ballerini e due ballerine sexy; la canzone in effetti parla di sesso e potere, di attrazione fisica e relazioni sbagliate; la maglia del cantante nel finale gli viene strappata di dosso e come se non bastasse, sul petto scoperto si legge scritto: “Make Love Not War”... chiaro richiamo ad un noto slogan delle rivoluzioni culturali del sessantotto del secolo scorso.

Buon ascolto! e per saperne di più sull’Eurovision Song contest 2023 visitare il sito ufficiale: https://eurovision.tv


Comentarios


bottom of page