top of page

QUEEN e ho detto tutto

Descrivere l’immenso universo che hanno creato i Queen è impossibile, non mi resta allora che condividere le emozioni che nascono in me nell’ascoltarli.


Inizio informandovi che il 18 novembre 2022 è stato pubblicato “ The Miracle, Deluxe Edition”; la prima edizione risale al 1989. In questa nuova versione rivisitata sono presenti alcuni inediti ed è acquistabile in diverse versioni, dal cofanetto, al vinile, all’album con due cd... Io per il momento ho ascoltato questi ultimi e devo dire che ho scoperto e riscoperto una dimensione ultraterrena. Sarà che mi sono fatta suggestionare dal titolo ma ascoltare una musica talmente perfetta rende tutto più leggero.


Ammetto che non conoscevo tutte le canzoni, vere opere uniche che compongono quello che da molti è stato definito il lavoro più riuscito dei Queen e io non ho nessun motivo per contestare questa affermazione. Non ho neanche alcuna competenza in merito se non il mio gusto personale.


Ogni singola traccia esprime concetti, idee e sentimenti in modo autentico; consiglio di ascoltarle sempre fino alla fine perché, come sappiamo, lo stile dei Queen lascia spazio a sorprese proprio quando ci sembra di aver memorizzato testo e musica. La loro è una ricerca continua e minuziosa di vocalizzi, ritmo e strumenti che ci esalta e ci fa entusiasmare anche dopo mille ascolti.


All’interno di “The Miracle” sono contenuti due dischi: il primo contiene dieci canzoni mentre il secondo ne contiene sedici, tra le quali anche inediti come la ballata “Face it alone”. In particolare vorrei soffermarmi su quest’ultimo: “ The Miracle Sessions” che ci fa vivere alcuni momenti del lavoro dei Queen durante le registrazioni dell’album (1989). Le canzoni qui non sono ancora perfette, ci sono alcuni piccolissimi dettagli da aggiustare ma ci fanno capire ancora di più quanto i Queen siano irraggiungibili e irripetibili.


Sentire la voce di Freddie Mercury che consiglia e collabora per la riuscita ottimale è un’emozione indescrivibile. La ricerca, la passione e l’amore che tutti i componenti hanno messo in ciò che rimane nella storia della musica si può comprendere solo lasciandosi trasportare inconsciamente liberi.

Variazioni sinfoniche e strumenti suonati divinamente accompagnano l’estensione vocale di una voce armoniosa fatta per cantare, sempre.


Freddy Mercury, Brian May, Roger Taylor e John Richard Deacon non sono stati solo una rock band, loro hanno dimostrato come la musica possa rimanere intatta nel tempo e come le diverse attitudini di ciascuno possano raggiungere livelli altissimi durante le esibizioni e le registrazioni. Tra concerti memorabili e importanti riconoscimenti i Queen nei testi hanno sintetizzato pensieri nei quali molte persone per un motivo o per l’atro si possono riconoscere. A volte sono molto espliciti altre ambigui e difficili da decifrare; ognuno di noi sa qual è il significato nascosto delle canzoni preferite: quello che scegliamo noi è quello più azzeccato. Riconoscersi e fare proprie le canzoni è ciò che fa dei Queen un gruppo che ha saputo entrare nel cuore della stragrande maggioranza di generazioni.

Non voglio anticiparvi troppo e quindi vi consiglio vivamente di ascoltare questo album, lo consiglio anche a chi lo conosceva già,perché riascoltarlo sono sicura che provochi emozioni sempre nuove. Oltretutto ci tengo a ricordare che nel 2018 è uscito il film “ Bohemian Rhapsody” con il premio Oscar Rami Malek. Sebbene secondo gli esperti ci siano errori, per me è degno di nota, se non altro per le interpretazioni formidabili degli attori. Di seguito il trailer ufficiale in lingua italiana. Buon ascolto e buona visione.



Comments


bottom of page