top of page
17433604-words-from-magazines-form-a-colorful-background.jpg

Fabio De Vincente: in equilibrio fra musica e sregolatezza

“Si può vincere perdendo tutto, Vincente si rinasce! No Vincente no party!”

Di recente, mentre facevo zapping - non so quale sia la parola giusta per indicare quando si passa da una radio all'altra - fra le web radio in cerca di musica nuova, ho per caso ascoltato Fabio De Vincente (se ben ricordo su Radio one Time www.radionetime.com)

Non conoscevo il cantante ma mi ha attratta la sua voce calda e radiofonica, la parlata sciolta e sicura, da “cattivo ragazzo” ; mi sono soffermata ad ascoltare il singolo “Al top”, tratto dall’album “Vincente”, uscito nelle piattaforme streaming a dicembre 2022 e qualche scambio di battute con l'intervistatore a cui raccontava che nella musica mette in scena la sua vita privilegiata e da anticonformista.

Il videoclip girato a Bali dove Fabio De Vincente si trovava per lavoro, facendo serate di piano e voce al Gioja Restaurant che, manco a dirlo, è "il top", uno dei migliori ristoranti italiani del luogo.



Dopodiché, inesorabilmente curiosa e affascinata, mi sono tuffata nel web per saperne di più… ed è stata una magnifica scoperta!



L’album “Vincente”

E' composto da Fabio De Vincente insieme a Carlo Montanari, prodotto da De Vincente con Luca Vicini (Subsonica) e masterizzato da Giovanni Versari (vincitore di un Grammy). Nomi importanti.


Deduco che questo artista ha la stoffa ed è ben più di una promessa della musica, ma probabilmente qualcosa non ha funzionato, Finora...

Già si intuisce dal titolo che gioca col cognome dell’autore, è autobiografico, con uno stile crossover moderno dove oltre ai groove, è centrale il pianoforte, suo strumento privilegiato.


In De Vincente convive una parte di raffinatezza quasi aristocratica e la pericolosità del ragazzo di strada, di uno abituato agli eccessi e poco abituato alla disciplina e per nulla attratto dalla normalità; tipico di molti artisti di ogni epoca, dove la genialità è stata una parziale giustificazione ad eccessi di anticonformismo.


Appartamento di lusso, senza orari, fra gioco d’azzardo, feste VIP con calciatori, musicisti, attori, modelle, imprenditori e personaggi di ogni genere ed estrazione sociale; negli anni ovviamente raccoglie denunce, multe, lamentele per schiamazzi notturni insieme a tanta invidia per posizione, classe e stile. De Vincente, questo vissuto complesso lo riversa nella scrittura musicale. Pianista e cantante ma non solo. è un musicista completo, polistrumentista, capace di rendere originali le sue composizioni inserendo parti di batteria, chitarra, percussioni, tastiere, voci, effetti. Voce moderna, intonazione perfetta, beat che cattura, arrangiamenti che in modo del tutto arbitrario definirei “fashion pop” e soprattutto testi che alludono piu’ o meno esplicitamente a una vita da sogno; e a tutti noi questo piace! amiamo sognare… del resto, “siamo fatti della stessa materia di cui sono fatti i sogni” come disse il sommo Shakespeare. ;-)

Una vita ribelle, fra alti e bassi, nel segno della musica


De Vincente racconta che oltre al carattere ribelle ha sempre avuto una vera passione per la musica, per la quale ha manifestato un talento precoce. Torinese, inizia a suonare fin da piccolo su una tastiera giocattolo, poi arriva il pianoforte e a 11 anni scrive canzoni, crea una band e si esibisce negli oratori. Il suo rapporto con la scuola è quantomeno problematico fra bocciature, assenze, risse e disinteresse per lo studio; il suo cammino, il suo riscatto, è nella musica: fa serate con pianoforte e voce in prestigiosi club di varie città quali Torino, Alassio, Capri, e viaggia in Costa Smeralda, Montecarlo, Londra, New York, sempre in eventi privati esclusivi, altolocati.


Come lui stesso racconta nelle canzoni, ha un vissuto fatto di altissimi e bassissimi.

Nel 2010 esce “Soltanto in un attimo”, il primo singolo. Ospite su Rai 1 da Maurizio Costanzo, con “Come quando fuori piove”, è testimonial nel 2013 di una Campagna sulla sicurezza stradale nazionale promossa da Life Onlus, con il brano “L’unica cosa che so”.





Per un lungo periodo sembra avviato sulla via dorata della fama, finalista del Festival di Sanremo Nuove Proposte, partecipa a The Voice of Italy nel 2016, giurato e ospite in varie trasmissioni. E’ un musicista d’esperienza che potrebbe avere un successo discografico. Arriverà un periodo difficile ad interrompere il suo crescendo. Ma si rialzerà con “Come nelle favole” (stesso titolo di un brano di Vasco) primo singolo di un nuovo progetto, entrato nelle classifiche, a cui seguono numerosi altri singoli, fino all’autunno 2022, l’album “Vincente” e la vittoria al Contest Kookaburra Live & Fun, per artisti emergenti.

Speriamo di poter ascoltare per il futuro altri suoi brani “al top, tutte le sere, in diretta per un posto per la celebrità”!

Comments


bottom of page